Vino metabolico

Campostarne: vino metabolico

Lo Chef Luca Barbieri e il prof. Macca, noto nutrizionista degli Spedali Civili, hanno sicuramente intuito l’indirizzo dell’imminente futuro maturato tra enogastronomia e salute, tra il piacere della tavola e il benessere fisico; studiando una nutrizione dedicata alla specifiche patologie tenendo conto del piacere del gusto e dello spirito.
Il progetto di capovolgere l’assioma DIETA = SACRIFICIO  in DIETA = BENESSERE delle papille gustative e salute , ha coinvolto 60 paesi del mondo (vedi sito www.cucinalinearemetabolica.it)
Per questo il vino entra a pieno titolo nel pensiero equilibrato della buona tavola e per questo mi è stato chiesto di partecipare attivamente a questo progetto con un vino dedicato : IL VALTENESI CAMPOSTARNE.

UN VINO ROSSO MOLTO ITALIANO

Ecco il vino rosso in cui convivono la tradizione vitivinicola di Costaripa e i benefici influssi del Lago di Garda, il grande lago italiano. La rarità di due uve che esprimono l’armonia e l’equilibrio della terra lacustre del nord come il Groppello Gentile e il Marzemino si sposa con la corposa eleganza di Sangiovese e Barbera. Nasce così un vino raro e prezioso, creato da Costaripa per la cucina lineare METABOLICA , risultato di una ricerca mirata a conciliare due esigenze fondamentali: quella di mantenere il naturale equilibrio di gusto e olfatto a favore dell’esaltazione del piacere e quella di comprovare le affermazioni di Christiaan Barnard, cardiochirurgo di fama internazionale, che nei suoi scritti dichiara che due bicchieri di vino rosso al giorno aiutano il nostro cuore a stare meglio.

I vigneti di Moniga hanno suscitato un vero entusiasmo: la sponda del lago di Garda sulla quale si affacccia Moniga è l’angolo più a nord del mondo in cui si coltivano gli agrumi e crescono ulivi, cipressi, capperi e agavi.

Si tratta di una terra in cui coesistono tutte le caratteristiche che trasformano un vino rosso di alta qualità nel nettare terapeutico auspicato dal prof. Macca.

 

L’ANIMA DI COSTARIPA

Perché proprio Costaripa?
Perché a Moniga del Garda il vino è una tradizione che comincia nel tardo 800, fatta di artigianalità, amore e dedizione. In Costaripa lavoriamo con le nostre uve ormai da tre generazioni, ci hanno insegnato che la vigna va allevata e il vino rispettato e a far crescere l’azienda senza mai dimenticare che il nostro vero compito è quello di fare un vino “buono”.

Ottanta anni  di esperienza confluiscono in questo vino: vinificazione tradizionale in rosso, evoluzione in piccole botti di rovere fino alla tarda primavera successiva alla vendemmia, imbottigliamento e affinamento in cantina per ulteriori 4-5 mesi prima della commercializzazione.

Un vino di colore rosso rubino carico, dal profumo intenso di fiori (viola) e frutta matura di sottobosco (mirtillo e lampone),di eccellente suadenza e intensità, dal sapore armonico ed elegante nella complessità gustativa. Un vino che stimola nella sua freschezza il piacere di bere.
La grande risposta alle aspettative : arte e poesia del vino a cura della salute, ricerca e passione. Un’azienda vitivinicola molto italiana ed una scuola di pensiero dedicata si sono ritrovati insieme per realizzare un nuovo progetto.

UN’IDEA IMPORTANTE VIVE IN QUESTO VINO.

Le nostre prime reazioni all’idea del Professor Macca di creare un vino al quale attribuire una destinazione salutistica sono state l’orgoglio e l’entusiasmo. L’idea di poter contribuire con questo vino alla realizzazione di un progetto sociale ha trasformato l’orgoglio in consapevolezza: la consapevolezza di assumerci un impegno importante e di accettare una sfida per noi senza precedenti.